Con l’arrivo dell’estate e dell’aumento delle temperature può capitare di imbattersi in un’automobile in sosta, all’interno della quale è chiuso un cane che potrebbe soffrire un colpo di calore.

La temperatura, all’interno di un veicolo esposto al sole cocente, può innalzarsi rapidamente e creare una naturale preoccupazione per l’animale, che manifesterà segni di sofferenza. La domanda, a questo punto, sorge spontanea: cosa possiamo fare se siamo noi a notarlo? E cosa rischia il proprietario?

Indietro

1. Potremmo pensare di rompere il vetro…

Il primo istinto è quello di liberare il quadrupede, magari sentendoci legittimati a rompere il finestrino dell’auto in cui si trova lo sfortunato animale. In realtà, anche se il reato di danneggiamento è stato depenalizzato nella sua forma semplice ed è quindi prevista solo una sanzione amministrativa (è penalmente rilevante nelle ipotesi aggravate previste dall’art. 635 c.p.), si sarebbe comunque costretti al risarcimento del danno (salvo i casi di estrema urgenza nei quali potrebbe invocarsi lo stato di necessità), pertanto occorrerà procedere in altro modo.

Indietro

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.