Con l’arrivo dell’estate e dell’aumento delle temperature può capitare di imbattersi in un’automobile in sosta, all’interno della quale è chiuso un cane che potrebbe soffrire un colpo di calore.

La temperatura, all’interno di un veicolo esposto al sole cocente, può innalzarsi rapidamente e creare una naturale preoccupazione per l’animale, che manifesterà segni di sofferenza. La domanda, a questo punto, sorge spontanea: cosa possiamo fare se siamo noi a notarlo? E cosa rischia il proprietario?

2. …ma è meglio chiamare le forze dell’ordine!

Il primo passo da compiere è quello di verificare che i finestrini siano rimasti in parte aperti ed attendere qualche minuto il rientro del proprietario il quale potrebbe essersi allontanato solo temporaneamente. Tuttavia, se notiamo che l’assenza si prolunga e che l’animale manifesta sofferenza dobbiamo allertare immediatamente le Forze dell’Ordine, che in caso di necessità interpelleranno anche il servizio veterinario, segnalando l’accaduto e fornendo ogni informazione necessaria. Infine, potremo raccogliere immagini ed indicazione di possibili testimoni.

Il personale contattato, una volta intervenuto, provvederà ad accertare la situazione, ad aprire l’auto ed a soccorrere l’animale. Dobbiamo sapere che non abbiamo un obbligo giuridico di intervenire personalmente, pertanto la soluzione migliore è quella di rivolgersi alle autorità che potranno operare legittimamente.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.